PULCI E ZECCHE

Pubblicato da Wash Dog Alessandria 10 mesi, 4 settimane fa

1 – Pulci e zecche, oltre che fastidiose, sono pericolose per la salute?
Purtroppo sì. Nutrendosi entrambe di sangue, in caso di infestazione massiva possono causare anemie anche molto serie.
Ma anche un singolo parassita può nuocere gravemente alla salute del cane: le pulci veicolano la tenia (parassita intestinale) e poche punture possono già scatenare una dermatite allergica.
Le zecche sono ancor più pericolose perché veicolano una serie di malattie (Piroplasmosi, Ehrlichiosi, malattia di Lyme) sempre piuttosto gravi e spesso dalla prognosi incerta.

2 – Quali sono i migliori prodotti antiparassitari?
Purtroppo non è affatto facile combattere i parassiti esterni, perché gli antiparassitari sono quasi sempre efficacissimi quando appaiono per la prima volta sul mercato…ma la loro efficacia diminuisce in modo esponenziale nel giro di pochi anni.
Non è colpa delle ditte produttrici, ma dei parassiti stessi che sviluppano una forma di resistenza contro i principi attivi: uno spray o un collare che eliminavano il cento per cento dei parassiti dieci anni fa oggi possono al massimo ridurre l’infestazione del 10-15%.
La risposta più immediata, quindi, sembra questa: il migliore antiparassitario è quello di più recente formulazione.
In parte è una risposta corretta, ma c’è anche da dire che alcuni di questi prodotti “sparano alle pulci con il cannone”: ovvero, pur di garantirsi una durata economicamente produttiva utilizzano dosi di principio attivo talmente elevate da poter causare danni al cane (dermatiti da contatto, o veri e propri avvelenamenti in caso di iperdosaggio o di ingestione accidentale).
Per questo è sempre meglio testare il prodotto su una piccola porzione di cute (se si tratta di uno spray) o lasciandolo sul cane per poche ore (se si tratta di un collare) per accertarsi che non ci siano reazioni allarmanti prima di procedere al trattamento vero e proprio.

3 – E’ vero che le zecche sono più resistenti delle pulci al trattamento antiparassitario?
Sì. In media un prodotto che protegge contro le pulci per tre mesi è efficace per un solo mese contro le zecche.

4 – E’ possibile usare contemporaneamente più di prodotto antiparassitario?
Sono possibili alcune combinazioni (da concordare con il veterinario), ma non tutte: è sempre meglio effettuare un test per verificare che il cane non sia allergico ai componenti dell’uno o dell’altro prodotto.
Bisogna fare attenzione in ogni caso, perché tutti i principi attivi sono (almeno in parte) tossici: un sovradosaggio può letteralmente avvelenare il cane.

5 – Che succede se il cane si lecca dopo essere stato trattato con un antiparassitario?
L’ingestione accidentale di queste sostanze può essere molto pericolosa e bisogna assolutamente evitarla. Dopo il trattamento (specie se si è usato uno spray) bisogna tenere il cane separato da eventuali compagni di giochi e sorvegliare affinché non si lecchi, almeno finchè il pelo non sarà completamente asciutto.

6 – Come posso disinfestare un ambiente in cui si trovano pulci e zecche?
Purtroppo la disinfestazione dei locali e di oggetti come cucce, brandine ecc. è sempre problematica: esistono in commercio appositi prodotti per la disinfestazione degli ambienti, ma di solito di tratta di sostanze altamente tossiche, per cui è sempre consigliabile tenere il cane lontano dall’ambiente trattato per almeno 24 ore.

7 – Se trovo una zecca sul cane, cosa devo fare?
Toglierla immediatamente, ma senza limitarsi a “tirarla via”, perché si rischia di estrarre solo il corpo e di lasciare il rostro (testa) conficcato nella cute del cane, dove potrebbe causare un’infezione.
Le possibili modalità di estrazione sono due: se non si prova ribrezzo nel toccare il parassita con le mani è possibile “svitarlo” letteralmente facendolo ruotare in senso antiorario finché non si sentirà che non oppone più resistenza all’estrazione.
Se il padrone non se la sente di toccare direttamente la zecca può “intontirla” usando un batuffolo di cotone imbevuto di olio d’oliva, alcol, etere, acetone o altre sostanze ancora (ognuno ha la sua preferita!). Dopo aver tenuto la zecca avvolta nel cotone impregnato per qualche minuto si potrò provare ad estrarla con una pinzetta: anche in questo caso si può tirare solo quando non si sente più resistenza da parte del parassita, ma è sempre meglio agire con un leggero movimento rotatorio in senso antiorario.

8 – Quanti tipi di zecche esistono?
Purtroppo moltissimi! Solo in Italia sono presenti decine di specie diverse, solitamente con una spiccata preferenza per una particolare specie ospite (cani, pecore, bovini, volatili)…ma tutte, purtroppo, disposte ad “accontentarsi” di qualsiasi ospite a sangue caldo, uomo compreso.
Le più comuni tra quelle che si attaccano al cane sono di due tipi:
a) quelle piccolissime e rotonde, di colore grigio scuro, più diffuse verso agosto-settembre (infatti vengono dette “settembrine” in alcune zone italiane, mentre in altre località vengono chiamate “piombini”). Sono sprovviste di rostro e quindi facili da eliminare, ma altrettanto facili alle infestazioni massive. Pare assodato che i “piombini” non veicolino la piroplasmosi;
b) quelle più grandi, grigie o verdognole, che quando sono gonfie di sangue possono arrivare alle dimensioni di una piccola nocciola (se femmine), mentre i maschi sembrano “ragnetti” di piccole dimensioni solitamente rossastri, grigi o neri.

9 – Tenere un cane in casa significa rischiare di essere morsi da pulci e zecche?
Assolutamente no: anzi, è proprio il contrario. I parassiti sono attratti dalla temperatura corporea, che nel cane è più alta che nell’uomo: quindi, potendo scegliere, si attaccheranno sempre al cane, risparmiando l’uomo. Non a caso la maggior parte dei casi di punture nei confronti dell’uomo avviene in assenza del cane, oppure riguarda zecche che non hanno il cane come ospite preferenziale.

10 – Cosa bisogna fare se una zecca punge una persona?
Innanzitutto non allarmarsi: non tutte le zecche sono infette e non tutte costituiscono un pericolo. Le modalità per estrarre la zecca dalle pelle sono identiche a quelle già viste per il cane: in seguito bisogna tenere controllata (per 40 giorni) la parte in cui si è subita la puntura. Se si manifesta un arrossamento cutaneo, probabile sintomo di borrelliosi o morbo di Lyme, bisognerà consultare il medico per iniziare subito la terapia antibiotica che porta a completa guarigione. Se non c’è arrossamento cutaneo è probabile che la zecca non fosse infetta e quindi non si avrà alcuna conseguenza: per stare più tranquilli, comunque, si può fare un esame del sangue per la ricerca degli anticorpi antiborrellia. Se sono presenti si inizierà la terapia antibiotica, altrimenti si sarà trattato di una sgradevole avventura senza conseguenze.

TIPI DI PRODOTTI ANTIPARASSITARI REPERIBILI IN COMMERCIO

a – Collari antiparassitari – azione preventiva. Alcuni molto efficaci, altri – specie quelli di vecchia formulazione – ormai assai poco efficaci. Durata: da uno a tre mesi.
b – Polveri disinfestanti – trattamento di animali infestati. L’effetto immediato è buono, ma non duraturo. Non vanno bene come prevenzione.
c – Shampoo antiparassitari – come le polveri.

d – Antiparassitari spot-on – azione preventiva e trattamento di animali infestati. Vanno riapplicati ogni tre mesi circa.

e – Spray – azione preventiva e trattamento di animali infestati. Alcuni ottimi, altri meno efficaci. In media vanno applicati almeno una volta al mese.

f – Compresse antipulce – azione preventiva. Somministrate mensilmente, rendono impossibile la schiusa delle uova della pulce e provocano una mortalità precoce nella fase di embriogenesi.
La pulce però deve pungere il cane per intossicarsi, quindi le compresse non sono adatte ai soggetti con problemi di dermatite allergica.

g – Congegni a ultrasuoni – azione preventiva.
Garantiti per un anno,completamente atossici, potrebbero rappresentare la soluzione ideale ma le testimonianze sull’efficacia al momento sono piuttosto contrastanti.